dentifricio curcumina

Dentifricio con Curcumina: rimedio per CARIE – TARTARO – GENGIVE INFIAMMATE

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

E’ normale avere paura dei dolori ai denti, infatti è comprovato che sia uno dei dolori più fastidiosi, addiritttura peggiore dei dolori del parto.
Non ci credi ??!!
Chi davvero ne è stato colpito può capire alla perfezione cosa si può provare.
Può sembrare un’affermazione forte, ma il sito metro.co.uk, ha svolto una ricerca davvero interessante.
Raccogliendo le opinioni di diversi medici, ma soprattutto di molte donne, ha individuato alcuni tipi diversi di dolore che possono essere davvero molto peggio di quelli del parto, intensi e fastidiosi fino al punto di far rimpiangere ad alcune donne le sofferenze provate durante le ore di travaglio.

Uno di questi dolori è un forte mal di denti, che riesce davvero a metterti al tappeto, come il gancio di un pugile, perché prende il sopravvento su tutto quello che stai facendo o devi fare. E’ un dolore intenso e costante, talmente forte da impedirti di mangiare, di parlare, lavorare, addirittura di pensare.

Allora come fare per scongiurare la possibilità di provare una sofferenza simile ??!!
Semplice, è fondamentale prendersi cura del proprio cavo orale.

Il primo consiglio e il più importante, è quello di andare almeno due volte l’anno dal tuo dentista per fare la pulizia dei denti.
Non è importante solo per un fatto estetico, ma soprattutto per eliminare placca e tartar, che sono spesso causa di altre patologie ben più gravi e dolorose.

Il secondo è quello di adottare una Routine di igiene dentale rigorosa e completa.
Completa, nel senso che non ti salvi solo lavandoti i denti, ma è fondamentale utilizzare il filo interdentale e lo scovolino.
Lo so che ora starai pensando che è noioso e faticoso, ma i benefici che ne otterrai saranno immensi.

Scommetto che hai provato ad utilizzare il filo interdentale più volte, ma alla fine hai sempre smesso.
Capitato a tutti, anche a me, e provo ad indovinarne il motivo.
Almeno è il mio e di tanti miei amici: perchè lo fai di sera, prima di andare a dormire, quando l’unico pensiero che hai è quello di buttarti sul letto e chiudere gli occhi!!
Se ho indovinato, allora c’è un rimedio.
Non è obbligatorio farlo di sera, certo sarebbe meglio, ma va benissimo anche durante la giornata, in conclusione l’importante è farlo ed avere una buona routine di igiene dentale.

Terzo, ma non meno importante, è quello di scegliere il giusto DENTIFRICIO.
In commercio ne puoi trovare tantissimi, di diverso tipo e per bisogni differenti.
La prima cosa da fare è conoscere la situazione del proprio cavo orale e di conseguenza scegliere il giusto dentifricio; per questo rivolgersi, naturalmente al proprio dentista o igienista dentale.

Quello che ti posso consigliare è il dentifricio VTX-Bioredoxin a base di Curcumina.
La Curcumina è una sostanza meravigliosa, perchè è un naturale anti-infiammatorio e anti-ossidante.
Utilizzandolo con costanza ridurrà notevolmente la formazione di Placca e Tartaro, che sono i principale responsabili di infiammazioni, sanguinamento e dolori alle gengive.

L’effetto principale è quello di mantenere la bocca e le sue strutture sane e giovani a lungo termine.
Quindi più tempo in salute da passare senza pensieri  da dedicare a quello che più ti piace.

Ora la domanda che ti starai facendo è perchè se la Curcumina ha questi poteri benefici, non è stata utilizzata prima in altri dentifrici?

La risposta è che la Curcumina è una sostanza tanto meravigliosa quanto ostica, perchè è poco assorbile dal corpo umano.
Quindi il problema era che messa in piccole dosi all’interno di una pasta dentifricia non poteva esprimere tutte le sue qualità, perchè espulsa troppo velocemente dall’organismo.

Ma ORA grazie al nostro Studio Scientifico durato 4 anni, i nostri ricercatori hanno trovato il modo di usufruire a pieno di tutti i benefici di questa sostanza.
La nostra FORMULA ESCLUSIVA è composta da due dentifrici, uno specifico per il GIORNO con Taurina – Ginseng e Curcumina e uno per la NOTTE con Melissa – Melatonina e Curcumina.

Se sei curioso di conoscere meglio i 2 dentifrici puoi cliccare su questo link: https://www.vtx-bioredoxin.com/prodotto/bipacco/

Di seguito trovi il nostro studio scientifico e altri due studi ( non fatti da noi ) che attestano le meravigliose proprietà della Curcumina.

NOSTRO STUDIO: 

“Evaluation of properties of curcumin extracts as modulator of inflammatory response in oral cavity”

INTRODUZIONE

Il nostro studio scientifico si è concentrato sull’effetto biologico di un dentifricio a base di curcumina ed è stato condotto dal Dipartimento di Scienze Orali e Biotecnologiche dell’Università di Chieti.

Lo scopo di questo studio è stato quello di trovare una correlazione tra il contenuto batterico associato alla malattia parodontale e l’effetto di un trattamento dentale sistemico con un dentifricio arricchito di curcumina.

BACKGROUND

La malattia parodontale è un disturbo infiammatorio che interessa le strutture dei denti di supporto, tra cui la gengiva, il legamento parodontale e l’osso alveolare, causando la perdita di tessuto connettivo, il riassorbimento dell’osso alveolare e la formazione di tasche parodontali.

Principalmente, la malattia parodontale è associata a una coorte di batteri patogeni, che determinano la sintesi del biofilm e l’induzione di uno stato cariogeno dei denti.

Materiali e Metodi.

In questo studio sono stati arruolati XXX pazienti volontari, di età compresa tra 21 e 59 anni, di età media 35,5 anni.

In base alla profondità della tasca gengivale compresa tra 3 e 7 mm, i pazienti sono stati divisi in due gruppi: il primo (XX pazienti) con tasche profonde> 5 mm e il secondo (XX pazienti, 53,7%) <5 mm.

La profondità della tasca e il sanguinamento al sondaggio erano i parametri clinici misurati per ciascun paziente. I campioni prelevati sono stati elaborati per l’analisi microbiologica mediante tecnica quantitativa assoluta in tempo reale Taq-Man (kit CEIVD – Meridol- Perio-Diagnostics).

Scopo della ricerca.

I volontari iscritti sono stati divisi casualmente in due gruppi: X sono stati trattati con un dentifricio regolare (formula Vitalex *, dentifricio arricchito SOLO con erbe e aromi naturali,* marchio registrato) e altri X sono stati trattati con il dentifricio arricchito con curcumina Vitalex.

Due settimane di erogazione, due trattamenti al giorno (uno al mattino e l’altro alla sera).

Al giorno 0 prima del trattamento, un estratto di contenuto di placca dalla tasca gengivale profonda è stato prelevato e processato per l’estrazione del DNA e l’analisi PCR in tempo reale dei batteri patogeni parodontali.

La stessa procedura è stata applicata alla fine del trattamento.

La valutazione dei dati era basata sulla presenza quantitativa di specie batteriche indagate.

RISULTATI

I pazienti trattati con i due preparati di dentifricio sono stati analizzati come presenza quantitativa di batteri parodontali nella loro tasca gengivale profonda e placca dentale.

I risultati sono stati i seguenti:

i volontari dopo il dentifricio arricchito con curcumina hanno mostrato una riduzione della quantità di patogeni parodontali presenti nella loro tasca gengivale.

Inoltre, su piastre da coltura batterica, la crescita batterica peridontale è risultata attenuata sui preparati colturali in presenza di curcumina.

Questo studio pilota preliminare suggerisce che la curcumina sciolta nel dentifricio dà un potenziale effetto benefico sull’abbassare il contenuto di batteri patogeni, determinando una diminuzione della promozione cariogenica e dando uno stato antinfiammatorio benefico, contrastando la malattia parodontale.

 

CONCLUSIONI

L’analisi microbiologica quantitativa è un punto chiave per migliorare la compliance dei pazienti, permettendoci di scegliere il trattamento antibiotico specifico evitando la resistenza agli antibiotici e garantendo il buon esito della terapia per la malattia parodontale.

Questo studio pilota suggerisce che è possibile lanciare una linea specifica di prodotti per dentifricio che consentirebbe il controllo della malattia parodontale, mantenendo un buon livello di salute dei denti.

Il dentifrcio può essere usato quotidianamente anche NON in presenza di una patologia parodontale.

In pazienti sani, per allungare e mantenere lo stato di benessere del cavo orale, grazie alle proprietà anti-infiammatorie e anti-ossidative della pasta dentifricia.

Con effetti di:

  • riduzione dei batteri patogeni
  • riduzione della placca batterica
  • riduzione della formazione di tartaro e carie
  • prevenzione sanguinamento gengive
  • donando una generale stabilità alla struttura dentale

STUDIO 2 – Estratto di curcuma: uso potenziale come prebiotico
e composto antinfiammatorio

Fariba Ghiamati Yazdi & Sabihe Soleimanian-Zad & Edwin van den Worm & Gert Folkerts

I prebiotici sono considerati componenti alimentari non digeribili che vengono consumati selettivamente dai batteri che promuovono la salute (probiotici).
In effetti, un certo numero di metaboliti attivi viene rilasciato a causa dell’intensa interazione tra prebiotici e probiotici nell’intestino che esercita effetti benefici locali e sistemici, inclusa la regolazione dei disturbi intestinali.

La curcuma è uno dei più importanti erbacei medicinali derivati dal rizoma di Curcuma longa.
La curcumina è un componente ben noto della curcuma che contribuisce alla prevenzione di più malattie infiammatorie.
Nonostante la curcumina come composto sia ben noto, poche ricerche si sono concentrate sull’estratto di curcuma (TE) e sul suo potenziale come prebiotico e
composto antinfiammatorio.

Lo scopo di questo studio era di valutare il potenziale prebiotico e alcune proprietà funzionali-strutturali.

L’esperimento ha mostrato che TE non solo viene digerito dai probiotici tra cui Lactobacillus rhamnosus GG (LGG) e Bifidobacterium animalis BB12, ma supporta anche la crescita di questi batteri anche dopo 72 ore (p ≤ 0,05).
A nostra conoscenza, questo è il primo rapporto che valuta il potenziale prebiotico di TE ed esplora i suoi effetti soppressivi sulla produzione della proteina IL-8, spesso associata ad infiammazione.

Introduzione

L’enorme comunità di microrganismi che risiede tratto intestinale modula le sue funzioni e fornisce una barriera difensiva contro agenti patogeni e rafforzare il sistema immunitario.
Inoltre, i batteri commensali svolgono un ruolo essenziale nella soppressione di segnali infiammatori producendo metaboliti come acidi grassi a catena corta (SCFA)

Una delle strategie promettenti nella modulazione del micro- intestino  è l’uso di prebiotici. I prebiotici si riferiscono ai componenti alimentari non digeribili o componenti che sono consumati selettivamente per promuovere i batteri che a loro volta facilitano la colonizzazione batterica per migliorare la loro crescita e attività. La combinazione di pro e prebiotico si chiama Bsynbiotic e significa che si possono avere effetti benefici per la salute quando combinati insieme.

Sebbene la maggior parte dei prebiotici disponibili sono carboidrati, recenti ricerche ha rivelato che ci sono composti con proprietà prebiotiche che non sono carboidrati puri e possono essere metabolizzati e digeriti da batteri probiotici.
L’espansione di questi batteri benefici può a sua volta inibire la sopravvivenza e la crescita di opportunistici e patologici batteri genici.
Numerosi studi hanno dimostrato il potenziale biotico di alcuni alimenti ricchi di polifenoli estratti da fonti naturali, come la Curcuma.
La curcuma è un composto grezzo derivato dal rizoma di Curcuma longa. È ben noto come una pianta con un forte attività anti-ossidante e antinfiammatoria. La curcuma consiste di diversi componenti con la seguente percentuale;
composti curcuminoidi 2–5%,
carboidrati quasi 40–70%,
proteine 6–8%,
olii 5–8%
minerali e altri elementi3–5%

Sebbene ricerche recenti abbiano studiato il biologico effetti della curcuma sulla salute, ci sono studi limitati sul potenziale prebiotico dell’estratto di curcuma grezzo nell’intestino e i suoi effetti sul microbiota probiotico.

Conclusione

L’ alta resistenza degli enzimi TE-GI insieme al suo alto contenuto di fenoli e carboidrati ha dimostrato il suo potenziale come prebiotico nel cibo reale.

Il nostro studio ha fornito un modello per l’utilizzo di TE come composto nutrizionale per la modulazione del sistema immunitario per:

1- mantenimento di batteri che promuovono la salute nel
intestino;

2- attenuare le infiammazioni.

Inoltre potrebbe essere utilizzato in un approccio farmaceutico-nutrizionale per aumentare l’effetto di attività dei prodotti farmaceutici.

 

STUDIO 3 – Curcumina: una rassegna dei suoi effetti sulla salute umana

Susan J. Hewlings and Douglas S. Kalman 

La curcuma, una spezia che è stata a lungo riconosciuta per le sue proprietà medicinali, ha ricevuto grande interesse sia dal mondo medico / scientifico che dagli appassionati di cucina, in quanto è la maggiore fonte di polifenolo.

Aiuta a gestire l’ossidazione e l’infiammazione di condizioni come: sindrome metabolica, artrite, ansia e iperlipidemia.
Può anche aiutare nella gestione dell’infiammazione indotta dall’esercizio fisico e indolenzimento muscolare, migliorando così il recupero e performance nelle persone attive.
Inoltre, una dose relativamente bassa del complesso può fornire benefici per le persone che non hanno diagnosticato condizioni di salute negative. La maggior parte di questi benefici può essere attribuito ai suoi effetti antiossidanti e antinfiammatori.
L’ingestione di curcumina da sola non porta ai benefici per la salute associati a causa della sua scarsa biodisponibilità, che sembra essere dovuta principalmente
a scarso assorbimento, metabolismo rapido ed eliminazione rapida.
Ci sono diversi componenti che possono aumentare la biodisponibilità. Ad esempio, la piperina è il principale componente attivo del pepe nero
e, quando combinato in un complesso con curcumina, ha dimostrato di aumentare la biodisponibilità di 2000%.
La curcumina combinata con agenti esaltanti offre molteplici benefici per la salute.
La proposta di questa recensione è di fornire una breve panoramica della pletora di ricerche riguardanti i benefici per la salute di curcumina.

Introduzione

La curcuma è una pianta erbacea rizomatosa perenne (Curcuma longa) della famiglia dello zenzero.
Le proprietà medicinali della curcuma, la fonte della curcumina, sono note da migliaia di anni; tuttavia, la capacità di determinare i meccanismi esatti di azione
e per determinare i componenti bioattivi sono stati studiati solo di recente.

La curcumina è il principale polifenolo naturale trovato nel rizoma di Curcuma longa (curcuma).
La curcuma longa è stata tradizionalmente utilizzata nei paesi asiatici come erba medica a causa della sua azione antiossidante, antinfiammatorio, antimutagenico, antimicrobico [5,6] e antitumorale.

È stato dimostrato che giova alle condizioni infiammatorie, alla sindrome metabolica, su dolore e a aiuto nella gestione delle condizioni infiammatorie e degenerative degli occhi. Inoltre, è stato dimostrato che dà benefici ai reni.

E’ utilizzata in vario modo in diversi paesi:

  • in India, la curcuma – contenente curcumina – è stata usata nei curry;
  • in Giappone, è servito nel tè;
  • in Tailandia, è usato in cosmetica;
  • in Cina, è usato come colorante;
  • in Corea è servito in bevande;
  • in Malesia, è usato come antisettico;
  • in Pakistan, è usato come agente antinfiammatorio;
  • negli Stati Uniti, è usato in salsa di senape, formaggio, burro e patatine, come conservante
    e un colorante, oltre alle capsule e alle forme in polvere.

La curcumina è disponibile in diversi forme tra cui capsule, compresse, pomate, bevande energetiche, saponi e cosmetici.

I curcuminoidi sono stati approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti come “generalmente riconosciuto come
Sicuro ” e con buona tollerabilità e profili di sicurezza sono stati dimostrati da studi clinici, anche a
dosi comprese tra 4000 e 8000 mg / die e di dosi fino a 12.000 mg / die con una concentrazione del 95% di
tre curcuminoidi: curcumina, bisdemethoxycurcumin e demethoxycurcumin .

Conclusioni

La curcumina ha ricevuto attenzione in tutto il mondo per i suoi molteplici benefici per la salute, che sembrano agire principalmente attraverso i suoi meccanismi antiossidanti e antinfiammatori.
Questi vantaggi sono espressi al meglio quando la curcumina è combinata con agenti come la piperina, che aumentano significativamente la sua biodisponibilità.
La ricerca suggerisce che la curcumina può aiutare nella gestione di condizioni ossidative e infiammatorie come:

  • sindrome metabolica, che include insulino-resistenza, iperglicemia, ipertensione, livelli elevati di trigliceridi e obesità, in particolare l’obesità viscerale.
  • artrite,
  • ansia
  • iperlipidemia.

Può anche aiutare nella gestione di infiammazione indotta dall’esercizio fisico e indolenzimento muscolare, migliorando così il recupero e le successive performance nelle persone attive.
Inoltre, una dose relativamente bassa può fornire benefici generali per la salute delle persone che non hanno problemi di salute specifici.

Se sei arrivato a leggere fino alla fine allora ti meriti un premio, ti offriamo un Buono Sconto del 20% su tutta la linea dei nostri prodotti.
Scrivi nel carrello il Codice – lancio20 -.

 

 

Scopri come rimanere più protetto durante il giorno

Potrebbe interessarti